Carrello

Lubin Akkad

Lubin Akkad

160,00

Sono Sargon, potente sovrano di Akkad, che allevò Aqqi il giardiniere delle grandi Paludi, tra il Tigri e l’Eufrate. L’essenza di Akkad è il dono che mi fece la bella Ishtar, che mi ama e mi protegge. Racchiude tutti gli unguenti più pregiati del Pound, e anche quelli delle isole del grande mare, e di altri che vengono da più lontano ancora. Quest’ambra è la luce che illumina il mio reame, è il tesoro più prezioso del mio impero.

  • 100ml
Svuota
Confronta

Condividi questo prodotto

Sono Sargon, potente sovrano di Akkad, che allevò Aqqi il giardiniere delle grandi Paludi, tra il Tigri e l’Eufrate. L’essenza di Akkad è il dono che mi fece la bella Ishtar, che mi ama e mi protegge. Racchiude tutti gli unguenti più pregiati del Pound, e anche quelli delle isole del grande mare, e di altri che vengono da più lontano ancora. Quest’ambra è la luce che illumina il mio reame, è il tesoro più prezioso del mio impero.

Akkad, si apre su una nota di testa esperidata aromatica di Mandarino e Bergamotto, arricchiti dalla Salvia Sclarea. La Salvia Sclarea detta anche erba sacra, è famosa per le sue qualità euforizzanti ed equilibranti. Le note di cuore sono ricche e sanno di balsamo e Spezie d’Incenso e Storace che ricordano l’Antico oriente mitigate dall’Elemi, spezia frescha e calmante, e ravvivate dal Cardamomo. La nota di fondo con le sue due Ambre, vegetale e animale, è sostenuta dalla ricchezza boisée del Patchouli addolcito dalla Vaniglia sensuale. Akkad è un profumo ambrato luminoso,mistico ma anche sensuale, un tuffo nei piaceri profani di antichi tiranni, nell’esalazione di oli sacri, nell’odore speziato della pelle delle schiave bellissime dal corpo di liana dolcemente adagiate su divani e lenzuoli di seta.

 

Note di testa: Mandarino e Bergamotto d’Italia, essenza di Salvia sclarea
Note di cuore: essenza di Cardamomo, Elemi, Incenso, Storace
Note di fondo: Ambra, Ciste labdano, Vaniglia, Patchouli

Informazioni aggiuntive

Flacone

100ml

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Lubin Akkad”